Clima Acustico Sardegna

Perchè è importante valutare in via prelimiare il Clima Acustico di una determinata area in Sardegna

La valutazione di clima acustico (imposta dalla legge quadro sull’inquinamento acustico L. 447 del 26 ottobre 1995 all’art. 8) consiste nello studio dello status sonoro di un’area specifica, effettuato mediante misure fonometriche: consente di capire se una particolare il clima di un determinata zona non sia acusticamente inquinato.

Clima Acustico - Sardegna

Queste valutazioni di clima acustico sono richieste dai comuni come necessarie per il rilascio di concessioni edilizie per scuole, asili, ospedali, case di cura o di riposo, parchi pubblici urbani ed extraurbani e nuovi insediamenti residenziali prossimi a opere potenzialmente inquinanti (prossimi ad aeroporti, strade, discoteche, ferrovie, impianti sportivi e impianti rumorosi in genere): in sostanza servono per valutare la compatibilità tra una nuova costruzione e l’area in cui questa dovrà sorgere.

Le verifiche di clima acustico devono essere effettuata da un tecnico competente in acustica ambientale, riconosciuto e iscritti nell’apposito elenco regionale: puoi contattarmi e  saprò quantificare il livello dei rumori presenti nell’area oggetto di trasformazione al fine di verificarne la conformità alle prescrizioni dettate dal D.P.C.M. 14/11/1997 intitolato “Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore”, relativamente alla classe d’uso del territorio, così come classificato nei vari Piani di Classificazione Acustica che i vari comuni hanno l’obbligo di predisporre ai sensi dell’art.6, comma 1, lettera a della Legge 26 ottobre 1995, n° 447 – Legge quadro sull’Inquinamento Acustico)

Clima acustico - Acustica-Sardegna.it

In qualità di Tecnico competente in acustica ambientale, abilitato ad effettuare tali verifiche, svilupperò la valutazione mediante la prima misurazione del livello di rumore presente nell’area oggetto di studio, e campionamento eseguito con prove diurne e notturne; successivamente procederò all’analisi e all’esame del progetto edilizio e infine alla valutazione della compatibilità dell’insediamento in progetto con il clima acustico verificato nell’area.

La norma italiana identifica anche le responsabilità: la valutazione di clima acustico e la conformità ai valori  del  D.P.C.M. 14/11/97,  è riconducibile al costruttore che non abbia effettuato la verifica di clima acustico, al Comune di competenza, se ha rilasciato concessioni edilizie senza tali verifiche, e il committente che non si sia mai preoccupato di ottenere l’idoneo attestato di conformità: ecco perchè è di particolare importanza effettuare la valutazione di clima acustico.

Ing. Enrico Craboledda